domenica 4 settembre 2016

I've moved!



cari amici del web mi sono trasferita!
era da un pò che ci pensavo, questo blog non mi piaceva più tanto, così serio un pò noioso,e  così mi sono creata un nuovo blog, aiutata perchè da sola non capisco nulla..è venuto carino, ci stiamo ancora lavorando, non riesco proprioa  capire come fare il menù..quello proprio non lo capiamo!
c'è un casotto, con amppe messe amle insomma è un pò coem me e come davvero casa mia..un casino!
credo cque sia meglio così perchè essendo un bel casino mi rappresnta al amssimo!
Quindi se vi va continuo a raccontarvi le mie avventure qui

il new blog www.robylivewithaloha.com
new instagram robylivewithaloha
new facebook robylivewithaloha


che dire! spero passiate a trovarmi!!

sabato 6 agosto 2016

Dove passare una bellissima serata a Wellington?

 Dove passare una bellissima serata a Wellington?
 A cuba street secondo le guide , questa strada famosa per il suo look bohemian e per i numerosissimi bar è considerato  il punto focale della vita notturna della città. .
Io invece vi consiglierei di andare in Edward Street, una traversa di Victoria Street, dove, abbiamo scoperto per caso due localini mititici.

 Inebriati dai colori e dalla vita notturna della città, mi sentivo un pò Leonardo di caprio in The  Beach quando dalla spiaggia segreta  torna a Bangkok, ci siamo un pò goduti la vita della capitale senza pensare  agli orari..tanto sei in una grande città, finalmente puoi cenare quando vuoi  e infatti..
A Cuba street abbiamo avuto una disavventura un pò stile BeB adventures di Takaka!
Non so come mai, di solito non  amo la cucina messicana, ma quella sera il mio ragazzo è riuscito a  convincermi ed ero prontissima per questa cucina un pò spicy, troviamo un locale molto carino, che già avevamo addocchiato in macchina e decidiamo di provarlo.


Il locale molto bello e grande, su due piani, si chiama The Flying Burrito Brothers e serve dei piatti che sembrano davvero molto buoni ..purtroppo non posso dirvi come sono perchè, pur essendomi seduta, e pur essendo circondata da persone con piatti enormi e bellissimi io non ho mai ricevuto la cena ordinata!


Siamo arrivati al ristorante alle 22.30, abbiamo chiesto se era ancora possibile cenare e ci è stato detto di si, ci siamo seduti al piano di sotto, abbiamo ordinato e abbiamo aspettato, abbiamo aspettato, abbiamo sbavato vedendo i piatti dei vicini e dopo 30 minuti che non ci veniva portato nè da bere nè da mangiare ( lo so sono troppo paziente)abbiamo chiesto se almeno potevamo avere le birre ordinate..e così abbiamo scoperto che la cameriera aveva finito il turno prendendo il nostro ordine..prendendolo però non passandolo in cucina! e così stanchi e in quel momento senza fame abbiamo ringraziato e  deciso di lasciare il locale, con la nuova cameriera che ci supplicava di riportare la lamentela alla manager e la vecchia cameriera al piano di sopra a sbronzarsi al bar...si davvero!




Noi eravamo troppo stufi di stare in quel locale e non avevamo proprio voglia di perdere tempo a lamentarci.
Così siamo andati nel bar scovati per caso, prima siamo stati da Meow, tra i due il locale più grande e prima più pieno..questo perchè prima lì suonava un gruppo musicale, noi chiaramente siamo arrivati in orario di calma totale dopo la tempesta, credo comunque che facciamo spesso serate musicali!



e poi al little beer quarter 



Localino più piccolo e con birra più buona dove sono sprofondata nelle comodissime poltrone..il problema era però la mia fame, risorta..purtroppo nessuno dei due locali aveva ancora la cucina aperta, così ripresa la macchina siamo corsi alla ricerca di un piccolo alimentari ma qui avevano solo pane a fette...e quella è stata la mai cena, senza nulla, no marmellata no affettati solo pane integrale a fette ahahahha
e dopo questa mitica serata siamo tornati nel nostro hotel il Brentwood




struttura in cui dormirono anche nel lontano 1965 i rolling Stones, visita ricordata dalle numerose foto che si trovano sparse nei grandi spazi comuni dell hotel.
Una cosa mitica  è stata la possibilità di parcheggiare proprio davanti alla stanza, che aveva un giardinetto..ero così stanca sia all arrivo che dopo al serata in città che praticamente non ho mai visto la reception e la piscina prorpio non sono riuscita a viverla purtroppo.. chi mi segue sa che io adoro l acqua e ogni scusa per me è buona per un bel bagnetto, anche totalmente sola nelle acque ghiacciate!!
Ad ogni modo ..serata indimenticabile..non mi era ancora successa un avventura del genere e  a voi?
sono curiosa..


domenica 31 luglio 2016

un pomeriggio a wellington

Una volta raggiunta la stupenda Wellington, è a mio avviso  un  ottima idea quella di
raggiungere subito  la vetta che domina la città, quasi sicuramente chi arriva nella capitale della NZ è dotato di 4 ruote e  non è quindi complicato raggiungere questo alto punto di osservazione!
Il Mount Victoria Wellington Lookout si trova a 196 ma sopra la città e consente una visione  a 360 gradi di questa.
Se a differenza nostra si ha tempo, ci sono numerosi percorsi da compiere  a piedi per raggiungere la vetta e  godersi questo magnico panorama.



Non solo a piedi ma anche in montan bike! ho notato in molte vette, anche nell isola del sud, che deve andare molto di moda lanciarsi dalle montagne con montan bike, sono ignorante  non conosco il nome di questa attività! ma sembra andare moltissimo da quelle parti..ci sono molti percorsi appositi,
si indossa un caschetto e ci si lancia giù tra salti buche e stradine sterrate!...bellissimo mi piacerebbe un sacco provare!
Dopo aver ammirato il meraviglioso panorma e aver sbavato davanti alle bellissime case che un pò caratterizzano tutte e 2 le isole noi abbiamo deciso di parcheggiare e sgranchirci le gambe tra le strade colorate della città.



Abbiamo trovato parcheggio vicino a due bar super affollati, ovviamente ci siamo ripromessi che una volta finito il giro saremmo passsati anche noi per bere una birretta.
I bar in questione sono il little beer quarter e specialmente il meow..questo poi aveva gente fuori, sui gradini, dappertutto! Erano circa le 5 di pomeriggio e noi chiaramente non volevamo iniziare già i festeggiamenti anche perchè conoscendoci in questo modo non ci saremmo più lanciati alla scoperta della città., in realtà una volta girato l angolo abbiamo trovato il burger liquor e la gola ha vinto..abbiamo fatto pausa snack!
Da qui poi passeggiando siamo passati per la bellissima
 eva street la strada multicolor vicino all opera house,caratterizzatat da zig ziag colorati per terra.


 Già eravamo totalmente inebriati "ubriachi" dei  colori e della freneticità di questa grande città quando abbiamo raggiunto la famosa cubastreet, una strada famosa per il suo bohemian "soul " e per la grande quantità di locali notturni e ristoranti.





Siamo poi arrivati davanti al Wharewaka function centre  attraversando un bellissimo ponte pedonale









e di lì al Te Papa dando chiaramente una palpatina alla famosa scultura dell uomo nudo,


 abbiamo provato ad entrare nel museo più importante del paese, il museo che racconta l origine del popolo dell isola raccontando la vita le tradizioni le leggende dei maori (cultura anche delle amate isole hawaii) ma purtroppo stava chiudendo e così dopo aver visto altri famosi graffiti della città (come gli squali) siamo andati a




 ..berci una birretta..ma vah??!!
L aperitivo alla Mac's Brewery non poteva mancare..


per poi correre all hotel dove ci siamo cambiati carichi per una super serata nella grande città!
senza dimenticarci i due pub visti parcheggiando!

venerdì 22 luglio 2016

Wellington meravigliosa città dai mille colori

Scoprire la città di Wellington dopo aver vissuto l isola del sud è un pò come un pugno nello stomaco, no non in senso negativo ma per l effetto shock che crea.si passa dal nulla dalla pace dalla quiete ad una vera città che appare un pò come una grande metropoli ,



 credo che l effetto  sia un pò come quando si porta un bambino di una piccola città a visitare New york..ci si è abituati alla calma, quiete alle città minuscole il cui centro è composto da due vie che si incontrano e  ci si ritova in una bellissima città, piena di graffiti, colori, giovani artisti di strada, tante auto e sembra davvero di essere capitati in una realtà parallela.




Di Wellington colpiscono i colori, in ogni angolo, ogni strada, ogni marciapiede colori graffiti dappertutto e anche colpisce la popolazione lo diceva la lonely che in questa città sembrano tutti un pò esauriti, tutti un pò artisti tutti un pò come se fumassero o bevessero troppo..ma non credevo fosse vero e invece..



che poi lo devo ammettere non sapevo ma è Wellington la capitale della nazione non Auckland..ignorante Roby!
La capitale è una città molto bella racchiusa tra colline che si affacciano sul porto case bellissime (un pò come in tutta la nazione) e una vita incredibile..la città conta un  numero di bar, caffè ristoranti cinema molto alto rispetto alla popolazione.



Volevo tantissimo visitare il te papa, museo che racconta la storia della nazione e che si trova in una zona bellissima, dominando il lungo mare della città, purtroppo non siamo riusciti per questioni di tempistica, abbiamo preferito scoprire la città ed è stato proprio bello.
Ma andiamo con calma, raggiunta l isola del nord abbiamo deciso di percheggiare e scoprire la città senza stress passeggiare per le vie senza seguire guide  o consigli..ci sembrava incredibile, tanta gente, tanti colori locali e ad un certo punto abbimao sentito la voglia di provare uno dei tanti burger bar che non vedevamo da molto tempo.


Avevamo coì tanti posti tra cui scegliere che davvero non riuscivamo a  decidere, alla fine abbiamo optato per  Burger Liquor, un locale che ci è sembrato molto carino  e in più, cosa che non mi era mai successo, siamo capitati proprio nell orario dell offerta burge e birra per pochissimo..





ed è sempre il momento giusto per una partitina ad uno!



per ora mi fermerei qui con i racconti lascinado le immagini della meravigliosa passeggiata atraverso la cttà per il prossimo post!

venerdì 15 luglio 2016

alla scoperta dell isola del sud della nuova zelanda




La nostra decisione di visitare prima l isola del sud poi quella del nord, si è rivelata per me vincente.
è stato bellissimo immergersi nel nulla dell isola più meridionale per poi buttarsi nella frenetica wellington, è un passaggio incredibile, difficile da descrivere il ritorno alla freneticità, alla grande quantità di gente,alle numerose frequenze radio, ai grandi supermercati...un ritorno che comunque ti fa sentire una bella nostalgia di quello che si è lasciato di sotto..


Non penso l effetto incredulo misto a spaesato sarebbe stato lo stesso dopo ore di volo.
Quindi si penso che come sempre il mio ragazzo abbia fatto centro nel pianificare il roadtrip.
il nostro viaggio on the road è partito nel senso opposto rispetto a quelli più classici, che partono da Auckland per poi finire giù
Noi abbiamo fatto il giro opposto partendo dalla studenda christchurch città che io personalmente ho adorato





per finire a Picton, punto per molti di partenza !


Le prime giornate sono state un pò strane, non solo per il fuso che perforuna  permetteva di alzarci all alba e ci vedeva morti nel letto alle nove ma anche per l incredibile quantità di cinesi che trovavo ovunque..lo so li ho citati mille volte ma un pò non me li aspettavo! anche perchè mi aspettavo la quiete il nulla come è stato dalla west coast in poi..
Vorrei provare a darvi paio di dritte per la scoperta di questa isola, che se poi sono buone non so.
Il sogno di molti è di visitare questa nazione in camper questa, per il mio modesto parere, può essere una soluzione mitica per l isola del sud, poichè questa offre poche strutture ricettive, abbastanza care dal punto di vista rapporto qualità prezzo e perchè comunque quest isola regala sprazzi di natura in cui accamparsi incantevoli.
è un isola sicura con molti ragazzi giovani che ancora viaggiano facendo l autostop in cui ci si può sentire  immersi in una realtà sicura un pò hippie che noi qui non abbiamo più.


In questa foto sono tutti pronti per accamparsi nella meravigliosa waikuku beach..da non confondere con la mitica waikiki beach!
 noi non abbiamo optato per questa soluzione semplicemente perchè il mio ragazzo è una principessa..
Sono numerosissimi i noleggi che offrono vetture su cui dorminre, dai classici camper come maui, anche qui attenzione a non confondere con le Hawaii!, britz , o vedrete moltissime vetture verdi e viola di Jucy, sono meno ma molto più simpatici i van con disegni di wicked rivolti chiaramente ad un target giovane, anche perchè vivere lì dentro non deve essere facilissimo



Il fuso si è rivelato per noi vincente perchè, e questo annotatelo bene, le strutture ricettive come hotel o motel, tendono a chiudere alle 20.30 massimo 21.00..tremendo per chi come noi vuole vivere al 100 per 100 il viaggio..e attenzione a non essere troppo schizzinosi perchè vi ritroverete ,anche in meravigliose strutture, a dover condividere il bagno!


E questa era l uscita in caso di incendio nel primo hotel in cui abbiamo dormito, che oltre ad essere chiusa a chiave non appariva poi così sicura!!eehhe
 Le chiavi al check out si lasciano spesso in un cestello e se si rischia di arrivare tardi si possono trovare sotto lo zerbino in una busta!
difficile anche trovare posti in cui cenare dopo le 20.30 cosa tremenda..quindi è sicuramente una buona soluzione andare al supermercato e  fare un pò di scorta cibi perchè non si sa mai se si riuscirà a cenare..e poi con questi paesaggi incantevoli perchè mangiare in un ristorante, basta del pane e del salmone e una super cenetta è pronta...
Una cosa per me incredibile è stato trovare la nutella in tutti tutti i supermercati, anche in quelli piccolissimi in mezzo al nientee  con pochissimi prodotti la nutella non mancava MAI


Da segnalare però che se visitate Queenstwon potrete provare quello che è definito uno dei migliori burger del mondo!


tra l altro se siete amanti della birra sappiate che alcune volte vi sentirete in paradiso! la Nz è piena di piccole aziende che fanno birra e alcuni supermercati delle grandi città, hanno enormi celle con una vastissima quantità di birra..o anche in mezzo al nulla troverete delle ottime brewery


Tornando al cibo hanno del pesce fantastico..peccato aminimo molto friggerlo..così io più volte mi sono trovata a togliere l impanatura per meglio godere dell ottimo prodotto di base!


I paesaggi sono stupendi e immergersi nella pace della natura è sempre bello



solo che, anche la musica a volte fà piacere e ci sono strade in cui non c'è niente di niente alla radio..noi dopo una giornata disperati, perchè cque la musica è sempre un ottima compagna di viaggio, ci siamo scaricati un pò di musica su spotify..preparatevi anche voi una playlist..non è una brutta idea..




 Se amate guidare le strade di quest isola sono mitiche , sappiate però che non potete tagliare le curve altrimenti rischierete di dover lasciare chiavi dell auto e  tornare a casa a piedini..sappiate anche che il popolo locale non ama chi ha la guida sportiva  e potrà segnalarvi alla polizia..cosa che  a noi è successa..siamo stati inseguito dalla polizia non una ma due volte, la prima per la guida troppo sportiva del mio ragazzo, tra l altro che ridere, poliziotto dietro di noi con sirene accese e noi  tranquilli convinti che non potesse proprio avercela con noi e invece..
Due giorni dopo la grande paura di non poter contirnuare il viaggio in mini, siamo anche stati fermati per eccesso di velocità..nel paese amano fare multe!
Ricordatevi anche che la guida è alla sinistra..rischierete forse qualche frontale..
 Se amate farvi lunghi bagni nelle acque calde  o tiepide questo posto non fa proprio per voi..l acqua  è ghiacciata e sono pochi o quasi nessuno i temerari che l affrontano..io chiaramente si!


Le nostre tappe in una settimana di viaggio in auto
prima tappa Christchurch, meravigliosa città che divinamente si sta rialzando dopo il grave terremoto del 2011, simblolo della rinascita il remall
 da questa città ci siamo diretti verso il meraviglioso Monte Cook
e da qui poi abbiamo visitato Queenstown..la città del brivido..se non siete pappemolle come me dove provare il bungee jumping ..è qui che  è nato e quindi andrebbe provato, se invece siete più buone forchette come me provate uno dei burger più buoni al mondo..io però ho dei dubbi su questa fama..
Passando per il bellissimo lake wanaka siamo arrivati ai famosi ghiacciai Fox  e FranzJosef,, per poi raggiungere la bellissima West Coast, un pò un misto tra la meravigliosa strada  in california che collega San Francisco a La  e la road to hana
e poi siamo arrivati nella meravigliosa golden bay e abel tasman national park con Takaka la cittadina degli hippie, prima di scoprire Picton e partire per il nord, abbiamo sofferto nella zona vinicola di Marblorough poichè tutte le cantine erano chiuse...è comunque meraviglioso anche solo perdersi tra i vigneti di questa zona.