domenica 22 maggio 2016

west coast nuova zelanda



la west coast è la regione della Nuova Zelanda famosa non solo per i suoi bellissimi ghiacciai, ma anche per una meravigliosa strada panoramica.
stretta tra il mare della Tasmania e le vette delle southern alps, è una regione che ha vissuto diverse fasi storiche, molto abitata durante il periodo della caccia all oro, conto oggi solo 1 % della popolazione del paese.
Guidare attraverso questa regione offre panormi sublimi, specialmente quando si guida da Greymouth verso Wesport, questo tratto di strada offre paesaggi molto simili a quelli del Big Sur Californiano...per me è stato davvero incredibile mi sembrava quasi di essere tornare indietro nel tempo (magari!!) alla mia prima volta in California, quando senza nessuna guida  e nessuna idea sono andata a trovare il mio ragazzo a Berkeley e qui  sono andata alla scoperta della regione così a naso..ricordo ancora l entusiamo e la magia e le emozioni in quella fascia di costa californiane,  tanto simile a questo lembo di terra.





come in california anche qui è meraviglioso assistere all incessante furia dell oceano scagliarsi contro le coste.
 ma poi se devo dire la verità guidare attraverso la west coast mi ha anche ricordato la bellissima Hamalkua coast di big island  per la fauna così rigogliosa,  e per le fitte foreste..d'altronde sono entrambe coste molto piovose.
Noi abbiamo attraversato la costa partendo dal sud e dirigendoci verso nord (quindi l oppposto dai classici tour).
Dopo la sosta per scoprire i ghiacciai, il primo paese della costa che abbiamo scoperto è stato Hokitika,



 una cittadina che si affaccia sull oceano,. qui la presenza del turismo di massa (cinesi in bus a flotte) è ancora alta, il paese è piccolo e abbastanza turistico con molti bei negozietti...dopo aver dormito in mezzo a paesi con nulla questa già inizia a sembrare una grande città.
Dopo aver passeggiato per le vie principali del paese , ci siamo rimessi in auto..la nostra meta finale era Westporth e come già detto nella sosta a Greymouth ci siamo mangiati le mani per la nostra scelta ehehh.
meraviglia della natura dopo Greymouth in direzione nord sono le pancake rocks, così chiamate per la somiglianza alle famose frittelle!




Prima di arrivare a destinazione io chiaramente non ho potuto non cedere al richiamo delle acque della Tasmania
l acqua era ghiacciata impossibile farsi un bagno ma un onda anomala mi ha bagnata per bene !! eheh




Abbiamo deciso di dormire a Westport perchè bene avanti nella strada ( ottimo per noi che dovevamo macinare tanti kilometri in poco tempo) e perchè io volevo vedere le otarie orsine ed i loro cuccioli
Questi popolano  gli scogli di Tauranga Bay seal colony  e proprio nel mese di novembre nascono i cuccioli.
Dormire nella città di Westport è stranissimo, la città è davvero deserta e piccola e c'è un odore di carbone incredibile nell aria..la citta deve infatti la sua fortuna all estrazione di questo minerale .
Noi poi qui abbiamo dormito in un motel davvero bruttino..



Siccome il paese sembrava molto deserto e non c'era nulla che ci ispirava per cenare , abbiamo fatto la spesa  e cenato nella nostra bella cameretta ..
Il mattimo ci siamo svegliati presto e siamo corsi add ammirare la colonia di foche












mercoledì 18 maggio 2016

una sosta obbligatoria nella west coast..specialmente per chi ama la birra...



Una cosa che  in Nuova Zelanda colpisce amanti e non della birra è l enorme quantità di brewery presenti nella piccola nazione. nei supermercati l offerta è infinita, in certi addirittura esistono celle frigorifere con un enorme quantità di birra offerta, se poi davvero si pensa a quanto pochi sono gli abitanti della nazione..è quindi quasi d obbligo fermarsi e provarle nelle brewery, dove queste bontà vengono create!


Una sosta che abbiamo fatto quasi per caso durante il nostro viaggio nella meravigliosa west coast, uno dei percorsi in auto più belli che io abbia mai fatto, è alla Montheith's brewery.
Nel vuoto della grande metropoli della westland si trova, un bel pò nascosta questa birreria dal look moderno ed accogliente, che sforna piatti più che prelibati.


La nostra sosta in questo locale è stato più che gardevole e  ci siamo mangiati le mani per non aver deciso di passare la serata nella città di Greymouth per proseguire fino a  Westport






 Grande metropoli era in tono scherzoso. Greymouth è la città più grande della west coast ma è proprio una piccola cittadina,legata un tempo al mondo minerario mentre oggi la birreria è quasi l attrazione principale! dopo ovviamente la magia della natura del paese.

mercoledì 11 maggio 2016

IBT tursimo



Partecipare all IBT tursimo è un po' come attraversare il mondo in una giornata, immergersi in sapori, colori gusti e danze di tutto il mondo.
Non appena arivati a Berlino, abbiamo preso la nostra car to go, soluzione ottima per muoversi in fretta senza i dolori da macchina in affitto e dopo aver fatto il chek in nel primo dei due alberghi per le tre notti (!) ci siamo diretti super emozionati in fiera,
Lo scorso anno avevamo visitato la fiera del turismo a Monaco, divertendoci come dei matti e quindi le nostre aspettative erano alte.
Ora con tutta sincerità a me era piaciuta più la fiera di Monaco, forse perché più attenta alle attività outdoor del turismo, forse perché più piccolina e quindi più facile da seguire, forse perché il cibo in fiera era più buono..chissà! A proposito di cibo abbiamo assaggiato di quelle delizie, siamo capitati davanti alla Polonia proprio poco dopo la cottura dei rogal smiet marcinski dei cornetti farciti con semi di papavero e aroma di mandorle, troppo troppo buoni..io infatti dopo aver dato il primo morso sono corsa a prendere un altro pezzetto! Devo assolutamenet annotarmi che se mai mi capitasse di visitare la Polonia, bisogna passare da Poznan, città in cui sono molto popolari.



La stessa fortuna l'abbiamo avuta quando non so davanti a che paese, abbiamo trovato una signorina che friggeva dei dolcetti troppo buoni..ne avrei mangiati tanti e tanti, ma qui la coda era lunga e i dolcetti pochi..


E poi un ringraziamento speciale andrebbe alla Tailandia che offriva da bere, mangiare..ecco la birra non era proprio buonissima ma, come dicono i saggi, a caval donato non si guarda in bocca..ed era meglio di quella che abbiamo trovato in Indonesia, che era caldissima..
Super star della fiera, più delle Maldive, partner ufficiale dell evento, l'esperienza virtuale..si poteva volare in business con Luftansa , visitare le spiaggie di Curacao (bellissime con quell acqua cristallina....mamma mia) atterrare a Tokio e passeggiare per le strade di questa grande capitale, scopirere Dubai..



Il problema è che io non sono poi così una grande amante del virtuale e così ho preferito asssistere alle prove dei ragazzi della corea del sud, tra salti esagerati e calci all aria, ammirare gli abiti super colorati del Guatemala, fingere di cucinare nella cucina del perù..




Insomma immergermi nel modo meno virtuale possibile per godere al massimo di questo giro del

mondo, che le rappresentanze di più di 180 paesi,con tutti e cinque i continenti , attraverso danze, tasting di cibo e bevande, cercano di far amare il più possibile...d 'altronde il fine è quello che poi a noi venga voglia di visitare il paese rappresentato!



lunedì 9 maggio 2016

#ipostiche


mini me sopra i tetti di Bogotà

#iPostiChe : ricordi di viaggio
 Ringrazio moltissimo  Daniela del bellissimo blog racconti di viaggio per l invito al tag e sono pronta a buttarmi a capofitto per  perdermi nella memoria dei viaggi passati e nel sogno di viaggi futuri!






IL POSTO CHE :

 
IL POSTO CHE :

 porti nel cuore : la colombia

La colombia sarà per sempre il posto del mio cuore perchè è lì che ho passato i miei natali da bambina e  le mie lunghe vacanze estive, perchè è lì che da bambina sognavo di trasferirmi (come i miei nonni) perchè è li che ho così tanti bei ricordi di un infanzia magica..è proprio il caso di dire garzie nonni e mamma e papà!


 
Io sono quella gobba..qui siamo a Cartagena mamma e fratelli!
Avrà sempre un posto speciale anche Singapore poichè è in questa città nel meraviglioso Raffles hotel , che il mio ragazzo mi ha chiesto di sposarlo, cercando di inginocchiarsi mentre io cercavo di tirarlo su..scena molto comica!


più divertente : Madrid

a Madrid mi sono divertita come una matta, più che durante l erasmus! Mi è piaciuta tantissimo l energia e la vita notturna di questa capitale! Non è stata la mia prima visita nella città a farmi divertire bensì una volta che sono stata a trovare un amica che lavorava nella città e così aveva un sacco di amici local.. e davvero gli spagnoli non dormono mai! Facevamo di quelle serate spettacolari!
 
più commovente :  Brasile
Dovete immaginarvi una bambina sognatrice (mini me) di 10 anni che va in vacanza con il fratellino, la mamma e lo zio in Brasile, e la maestra del fratellino dà a questo come compito la visita in una favela..Noi chiaramente questa visita non la abbamo fatta perché tanto per vedere la situazione in cui erano ridotti quei poveri bambini la si viveva lungo le strade e ricordo come ero triste e come non potevo comprendere questa situazione., i bambini che dormivano negli scatolini e chiedevano soldi per mangiare..per me questa era l unica cosa brutta del sud america
noi 3 a brasilia



  più deludente : Barcellona
 
Barcellona non mi è piaciuta neanchè un po' , troppi turisti, macchinette automatiche per comprare le bibite dentro le chiese..no no non mi è piaciuta..bisogna però dire la verità..l ho visitata di rientro dal mio erasmus, quindi sicuramente il mio umore non era buono e forse questo mi ha influenzata nel non amare la città

più sorprendente :Hawaii

Ho proposto queste isole come meta delle vacanze, al mio ragazzo più per scommessa che perché mi attirassero e ho perso la testa e le ho amate dal momento in cui ho messo piede nelle loro acque..appena siamo arrivati e ho visto Honolulu non mi sono piaciute ma poi le ho follemente amate e le considero ora il mio paradiso..
 
 
 
  più gustoso : Aspen

A me la cucina amerciana piace moltissimo, e non parlo di fast food, anche se molto buoni come Inn e out ma parlo della cucina dei ristoranti di medio alto livello o anche della cucina degli sportsbar..ad Aspen in Colorado mi sono fatta una mangiata divina, di quelle che ancora mi sogno..




 
 che ti ha lasciato un ricordo particolare :Vienna
 
A Vienna ho passato un mese e mezzo nella lontana estate del 2002 o 2003 ed è stato bellissimo ho adorato questa città con la magnificenza dei suoi palazzi che sono  lì a ricordarci la grandezza dell impero nel  passato e con un occhio ben rivolto al futuro e alla contemporaneità..una città dinamica, ecologica piena di storia, arte giardini..per me davvero Vienna è una delle più belle capitali d Europa. 
e non solo ho amato la grande presenza di piste ciclabili e la possibilità di girare in città con i roller..
e poi tutti quando pensano a Vienna pensano alla mitica figura della principessa Sissi, io non ne sono motlo afafscinata, mentre mi è sempre paiciuto epnsare a Vienna con Mariantonietta perchè alla fine è lì che è cresciuta.. per me Vienna è Marianotnietta e Mariantonietta è Vienna..lo so è solo per me!
 
 
 
più romantico: praia do guincho
 
  ok lo so..chi c'è stato mi prenderà per matta, ed è giusto che sia così ma se c'è un posto che io amo, dove amo sedermi e osservare la magnificenza del mare, dove mi sento come in paradiso, doev posso essere arrabbiata ma poi mi torna subito il sorriso è praia do guincho in portogallo. Per me questa spiaggia così ventosa , con le acque così fredde è proprio il posto in cui vorrei sempre stare con il mio ragazzo..




 
 
 che vorresti rivivere: Il centro velico di caprera!
vorrei poter rivivere tutte le avventure che ho vissuto, poter riprovare le emozioni  le sensazioni e la magia che ogni viaggio mi ha regalato... risentirne i sapori, riprovarne le gioie ed i dolori.
ultimamente mi ritrovo spesso a pensare ad un esperienza magica che ho fatto nelle estati dei miei 17 e 18 anni.. il corso di barca a vela all isola id caprera..l isola che non c'è..
Non so se avete mai sentito parlare di questo centro velico.
Praticamente è un pezzo della famosa  isola di caprera dove ha sede una meravigliosa scuola di vela..qui per due settimane, per due anni di seguito, mi sono trovata a stretto contatto con la natura, con ragazzi che come amavano il mare, non ci sono auto, radio, ci si dimentica di tutto..è davvero un isola magica ed il ritorno alla civiltà è davvero duro..sembra il brutto risveglio da un sogno fatto di momenti più che magici..per darvene un idea vi mostro questo video..quello che dice è più che vero..
 
 
 

 dove vorresti andare:
 
 Sono molto fortunata perchè per i miei 34 anni ho ricevuto come regalo proprio quello che più sognavo..una vacanza a base di surf a fuerteventura ed un ritorno al passato la colombia..non potrei proprio cheidere nulla di più..
se proprpio devo torvare un altra meta penso al Cile, am davvero per il momento sono felicissima così!..però in effetti c'è un viaggio on the road che mi piacerebbe fare ed è un viaggio alla scoperta della mia regione, il veneto..mi piacerebbe perdermi tra l arte, le campagne e le osterie del mio bel veneto..
 

 


  e adesso chi invito a rispondere a queste domande??!!

  Ovviamente lei, la mia guida nei sogni di viaggi..la folle ..del blog profumo di follia
Silvia del blog banana e cioccolato
Enzo e Chiara di due in giro
  Valentina M che con is uoi racconti e le sue foto mi fa tanto sognare
Diletta di sempre in partenza
 
per il momento mi fermo qui e ringrazio l ideatore di questo tag Neogrigio per la bella idea! 
 
 

martedì 3 maggio 2016

Prenzlauer Berg, Berlino




C'è un quartiere a Berlino che non vi potete assolutamente perdere, un quartiere che mi ha fatto follemente innamorare di questa città così poco tedesca
La prima volta che abbiamo visitato Berlino ci siamo capitati per puro caso, quest ultima volta ci volevo proprio tanto andare.


Nel quartiere c'è una zona che è la mia preferita ed è quella che si sviluppa attorno alla Wasserturm,.
Vicino a questa torre dell acqua, la più antica di Berlino, si sviluppa un bellissimo parco giochi
e poi sempre quando ci siamo capitati noi, quindi di sabato, ha luogo un bellissimo mercatino, piccolo e sicuramente meno famoso dell affollatissimo Flohmarkt domenicale,
dal sapore più autentico e meno turistico rispetto al famoso vicino ,il kollwitzplatz markt merita a mio avviso sicuramente una o più visite!






Chiaramente di domenica non abbiamo potuto saltare l appuntamento con il Florhmarkt, io non lo avevo mai visitato, Seba si..quando si entra in questo mercato penso che la prima domanda sia “ma perché??!! ma perchè sono venuto” almeno io me lo sono chiesta...eravamo tantissimi turisti uno attaccato all altro, poi perfortuna, avvicinandosi alla zona food, gli spazi si aprono parecchio e compaiono anche tavolini e panche.










Per me il bello di questo mercato è il parco che lo ospita:
Il mauerparkt , parco costruito su quella striscia di terra di nessuno compresa tra i due muri..
uscendo dal parco c i si ritrova nella bernauer Strasse, la strada che divenne simbolo della divisione tra est e ovest. Questa strada da oggi l opportunità di scoprire molti aneddoti di quel periodo attraverso mostre all aperto che fanno parte del memoriale del muro di berlino.
Noi abbiamo scoperto questo percorso proprio per caso.. ci siamo imbattuti su questa casa con una grande facciata con immagini dipinte e da qui abbiamo iniziato a seguire il percorso.
È stata una passeggiata più che piacevole molto molto lenta, perché ogni occasione era buona per leggere e scoprire un pezzo di storia..chi lo sapeva che in questa strada c'erano stati tanti tentativi di fuga costruendo tunnel sotterranei??!! incredibile
è un percorso ricco di racconti che fanno davvero riflettere ed emozionare.







Il percorso termina con il centro di documentazione ed il centro visitatori



Non per caso, ma perché lui già l aveva visitata, siamo stati anche in questa vecchia scuola dove si tiene un esposizione dedicata agli anni del muro, la scuola è totalmente lasciata all abbandono e la mostra non è pubblicizzata ma molto interessante.
Imperdibile nel quartiere è Botzow Bier..anche qui ci siamo capitati proprio per caso.


Qui dove un tempo sorgeva una delle più importanti birrerie private del paese, è , in atto dal 2010 un operazione di riqualifica degli spazi, andati abbandonati con il tempo.
Al momento sono aperti al suo interno una piccola mostra, che noi abbiamo visitato, degli uffici, un ristorante ed un bar..Noi avremmo voluto provare ad andare al bar per berci un aperitivo o abbiamo anche pensato di andarci a cena ma, il buttafuori ci ha cacciati in malo modo e così abbiamo proseguito la nostra passeggiata, terminando la visita al mio quartiere preferito con un super ottimo apertitivo in un posto bellissimo.
Siamo capitati ,anche qui per caso, alla Soho house Berlin, un albergo bellissimo realizzato la dove un tempo sorgeva un centro commerciale di una famiglia ebrea, hotel totalmente fuori budget dove però abbiamo potuto goderci un buona birra .


Un altro posto imperdibile e scoperto per caso è la kulturbrauerei anche questa un ex birreria che
sta prendendo nuova vita con cinema, teatro, bar con musica jazz, sale dedicate all arte..insomma un altro angolino imperdibile!